Lo stabilimento nel «granaio» cinese

Dal 2014 abbiamo una sede a Gaomi nella Cina orientale. Lo stabilimento produce macchinario agricolo d'alta qualità e fabbrica componenti con lo stesso livello qualitativo di un fornitore tedesco. Il successo della sua attività è dovuto anche al sistema di formazione duale e alla struttura aziendale di CLAAS, che i collaboratori cinesi seguono e mettono in pratica ogni giorno a oltre 8.000 chilometri di distanza dalla nostra sede centrale a Harsewinkel.

Il Dr. Xi Chen si alza molto presto e, durante la settimana, entra ogni giorno nello stabilimento nella città cinese di Gaomi alle sette in punto. Per alcuni è ancora inusuale vederlo seduto a fare colazione nella grande mensa aziendale e dialogare con i dipendenti sulla loro vita privata. Chen è responsabile della produzione CLAAS in Cina e un Direttore Generale così vicino ai dipendenti è piuttosto inusuale in un'azienda cinese.

In tedesco Chen racconta che una volta un dipendente gli ha detto: «Sig. Dr. Chen, prima vedevamo raramente i nostri superiori, ma lei viene nel reparto produzione e mangia in mensa insieme agli altri. È una cosa che apprezzo molto». Di questo Chen è molto fiero. Per lui è molto importante che lo stabilimento di Gaomi non sia un'azienda tipica cinese: «Siamo un'azienda tedesca, anche se ci troviamo in Cina. I nostri clienti si attendono una qualità molto elevata dai nostri prodotti», racconta. «Del resto una mietitrebbia CLAAS è come una Mercedes tra le macchine agricole». Per soddisfare queste aspettative Chen crede che sia molto importante attuare la cultura aziendale CLAAS nello stabilimento.

«Il mio motto personale è: Pensa sempre a quello che fai, abbi fiducia in te stesso e agisci sempre in modo positivo».

– Xiaochuan Liu, montatore

«Il successo degli agricoltori dipende dalla qualità dei nostri prodotti. È per questo che mi assicuro che siano sempre eccellenti anche nei minimi dettagli».

– Xiang Zhai, montatore

«Come membro della famiglia CLAAS lavoro insieme a colleghi e stakeholder di tutto il mondo per contribuire al raggiungimento dei prezzi migliori e far progredire la nostra attività».

– Glen Wang, Diretore dell'Ufficio Acquisti

Strutture gerarchiche piatte − Un compito non facile

Chen conosce bene la Germania e le aziende tedesche e questo è sicuramente un vantaggio per lui. Il 45enne ha studiato ingegneria in Germania, si è laureato all'Università di Stoccarda per poi conseguire il dottorato a Karlsruhe. Inoltre, ha lavorato per molti anni in veste di dirigente per subfornitori tedeschi dell'industria automobilistica.

Da quando ha iniziato a lavorare alla CLAAS un anno e mezzo fa, si è impegnato per rendere più piatte le strutture gerarchiche a Gaomi. Un compito non facile, perché le aziende cinesi sono spesso caratterizzate da una struttura molto più gerarchica rispetto a un'azienda familiare come CLAAS. Questo è il motivo per cui alcuni dipendenti non osano ancora esporre apertamente le loro idee. Per contrastare questa tendenza, Chen ha introdotto i cosiddetti "Townhall Meeting" che si svolgono ogni tre mesi e durante i quali i dipendenti dello stabilimento possono porre delle domande alla Direzione, anche in modo anonimo.

I dipendenti amano molto questo approccio per lo più sconosciuto in Cina. Molto successo ha ottenuto anche il sistema di suggerimenti, introdotto recentemente, con cui i dipendenti possono sottoporre le loro idee di miglioramento tramite app: un'iniziativa che ha portato a ottimizzare numerosi aspetti nella produzione. Ben accetta è anche la comunicazione aperta e la cultura della gestione positiva degli errori che Chen si sforza di applicare.

700 macchine all'anno

Questi cambiamenti della cultura aziendale operati negli scorsi anni hanno contribuito al successo dello stabilimento, che è stato fondato nel 2014 sotto forma di joint venture con un'azienda cinese. Dal 2016 la ragione sociale dello stabilimento è "CLAAS Agricultural Machinery (Shandong) Co. Ltd" e l'azienda appartiene interamente al Gruppo tedesco.

Dopo aver affrontato con successo le sfide iniziali per introdursi nel mercato cinese, CLAAS produce oggi a Gaomi 700 macchine all'anno, prevalentemente mietitrebbie, che vengono fabbricate sotto il marchio CLAAS e il marchio locale CHUNYU, soprattutto per il mercato cinese. Da alcuni anni lo stabilimento di Gaomi sta preparando l'esportazione su mercati esteri.

Lo stabilimento occupa in totale 500 dipendenti e possiede una vasta rete di distribuzione e servizi nella Cina centrale e del Nord. Ad oggi CLAAS è la sola società tedesca presente a Gaomi. La città, che con soli 900.000 abitanti è relativamente piccola rispetto ad altre città cinesi, si trova nella Provincia Shandong, una delle maggiori regioni agricole cinesi, che viene considerata il «granaio» del paese. Per raggiungere Shanghai, la metropoli con diversi milioni di abitanti, ci vogliono in auto sette ore e mezzo, mentre con la ferrovia si può coprire il percorso in circa sei ore.

Meglio di alcuni fornitori tedeschi

Ogni mattina intorno alle nove, nella sala conferenze accanto al reparto di montaggio, si svolge il cosiddetto "Morning Operation Breifing". In questa occasione Xi Chen parla per mezz'ora degli argomenti del giorno con i capireparto e i capisettore. In quest'ambito si informa sui progressi raggiunti e sulle sfide da affrontare. Anche Shirley Wang è sempre presente. La 37enne dirige il Reparto Controllo della Qualità alla CLAAS di Gaomi.

«La cultura aziendale CLAAS è caratterizzata dall'aiuto reciproco e dalla fiducia», spiega. Il Qualiy Department deve collaborare strettamente con la produzione, il reparto progettazione e i clienti per ottenere i migliori risultati possibili. E il lavoro di Shirley Wang e del suo team di 37 persone dà risultati chiaramente positivi.

Ciò si rispecchia in particolare nel fatto che Gaomi rifornisce anche CLAAS Industrietechnik, una società del Gruppo CLAAS con sede a Paderborn in Germania. I componenti fabbricati a Gaomi vengono montati nelle macchine CLAAS in tutto il mondo. Solo poco tempo fa la sede centrale del Gruppo di Harsewinkel ha consegnato al Direttore dello stabilimento Chen un certificato attestante la qualità dei prodotti che è talvolta migliore rispetto ad alcuni fornitori tedeschi.

Le nostre colleghe e i nostri colleghi attendono con piacere l'ulteriore sviluppo dello stabilimento.

Ciò è dovuto tra l'altro alla stretta collaborazione oltre i confini del paese. Negli ultimi anni dipendenti tedeschi e cinesi hanno collaborato regolarmente in team tandem a Gaomi e a Harsewinkel. Inoltre, CLAAS investe molto nella formazione continua dei suoi tecnici qualificati anche a Gaomi. Persino durante la pandemia − in piena politica "0 Covid" cinese − colleghe e colleghi cinesi sono volati a Harsewinkel per partecipare a dei seminari.

Xiandian Meng è assolutamente convinto dello scambio di conoscenze all'interno del Gruppo CLAAS. Il 33enne dirige il reparto CLAAS Industrietechnik in Cina e collabora costantemente con i colleghi e le colleghe di CLAAS Industrietechnik a Paderborn. Meng ha conseguito il suo master in ingegneria meccanica all'Istituto Tecnico RWTH di Aquisgrana ed è persuaso che la cultura tedesca e cinese si completino bene tra loro. I cinesi sono spesso molto efficienti e flessibili, mentre i tedeschi danno grande importanza all'accuratezza, spiega.

«Le mie colleghe e i miei colleghi a Gaomi devono solo abituarsi al fatto che i tedeschi sono più diretti di noi nella comunicazione». Aspetti che i cinesi esprimerebbero per lo più con delle perifrasi, vengono espressi chiaramente senza tanti giri di parole dai tedeschi. «Con il tempo si apprende però che non si tratta di una questione personale, ma piuttosto di una questione oggettiva», afferma con un sorriso.

Una giornata di lavoro a Gaomi

La formazione duale come ricetta per il successo

Un altro aspetto della cultura aziendale tedesca è costituito dalla formazione duale dei tecnici a Gaomi. Il sistema è pressoché sconosciuto in Cina, spiega Quian Liu, il "Dual Education Training Manager" dello stabilimento. L'ingegnere 38-enne lavora alla CLAAS dal settembre 2021; prima ha lavorato tra l'altro alla BMW in Cina ed è un sostenitore del sistema di formazione tedesco.

Generalmente le società cinesi assumono studenti appena diplomati e si occupano della loro formazione. Alla CLAAS invece gli apprendisti trascorrono gran parte del tempo nello stabilimento e frequentano parallelamente la scuola. «Alla fine i giovani tecnici conoscono già l'azienda e hanno chiari obiettivi riguardo alla loro futura carriera», afferma Liu. «Un aspetto che apprezzano molto». Dodici ragazze e ragazzi hanno completato sinora il programma − e l'azienda si augura che ne verranno ancora molti.

«Le nostre mietitrebbie sono made in Cina,
ma soprattutto made by CLAAS»

Dr. Xi Chen, il direttore dello stabilimento CLAAS a Gaomi, spiega cosa lo caratterizza in un'intervista.

Vai all'intervista con il Dr. Chen

Un mercato importante del futuro

Ciò rientra nei piani della CLAAS per la Cina: il Gruppo sta sviluppando la percentuale delle esportazioni dallo stabilimento di Gaomi, con mietitrebbie destinate all'Europa, all'Africa e all'Asia Centrale. Anche la vendita di componenti per altri stabilimenti sta diventando sempre più importante, poiché CLAAS aiuta a sfruttare i vantaggi derivanti dall'approvvigionamento e dalla produzione interna.

«La Cina continua ad essere per noi un mercato importante del futuro, di cui però dobbiamo sempre osservare con occhio critico le particolarità e le condizioni generali», afferma Bernd Kleffmann, Senior Vice President Product Unit Combines Range C-F alla CLAAS. «L'approvvigionamento alimentare autonomo è di grande importanza per la Cina. È per questa ragione che i prodotti provenienti da diversi stabilimenti CLAAS trovano i loro acquirenti in Cina. Tra questi anche le mietitrebbie in verde e rosso fabbricate a Gaomi.

Per dirigere lo stabilimento cinese, durante la settimana Xi Chen vive in un piccolo appartamento a Gaomi. Al fine settimana trascorre sei ore in treno per raggiungere Shanghai dove vivono sua moglie e i suoi tre bambini e rientra poi a Gaomi la domenica sera.

Chen vuole far crescere ulteriormente lo stabilimento nei prossimi anni. Questo è anche il desiderio dei dipendenti: «Le nostre colleghe e i nostri colleghi sono sempre pronti ad apprendere qualcosa di nuovo, e attendono con piacere gli ulteriori sviluppi dell'azienda».

Per realizzare questa crescita Xi Chen inizierà anche il prossimo lunedì la sua giornata di lavoro in stabilimento al più tardi alle sette.

Dall'agricoltura alla letteratura:
cinque fatti importanti su Gaomi

1.

Gaomi è un distretto della regione Weifang, noto da decine di anni per essere un luogo di produzione di macchine agricole, ad esempio mietitrebbie e trattori. Come centro economico in crescita Gaomi ha un volto sia agricolo che industriale. La provincia Shandong, in cui si trova il distretto, è nota come «granaio» e luogo di coltivazione di ortaggi.

2.

Con 877.000 abitanti − per fare un paragone: Francoforte ha 753.000 abitanti − Gaomi la città capoluogo del distretto con lo stesso nome è relativamente piccola per essere una città cinese. Basta pensare che nella Provincia Shandong vivono oltre 101 milioni di persone, ossia più della popolazione di Germania, Austria e Svizzera insieme.

3.

La città Gaomi ha una densità di popolazione di 550 abitanti per chilometro quadrato. Una densità pari al doppio di quella della Germania.

4.

Lo scrittore Mo Yan − il primo cinese a ricevere il Premio Nobel per la letteratura − è nato a Gaomi. La maggior parte dei suoi romanzi sono ambientati nella città, tra questi anche "Sorgo rosso" − titolo in tedesco: "Rote-Sorghum-Familie" − con cui ha raggiunto la notorietà nel 1986. L'adattamento cinematografico ad opera del registra Zhang Yimou gli ha conferito fama internazionale nel 1987.

5.

Il romanzo di Mo Yans ha reso nota la città di Gaomi in Cina per il suo sorgo rosso. Questa varietà di miglio viene coltivata nella regione. Il sorgo non è solo un alimento base in tutto il mondo, ma viene utilizzato anche come foraggio per il bestiame e può essere fermentato per ricavare il carburante bioetanolo.